Progetto culturale dell'Università della terza età e del tempo disponibile

 
CONTESTO

Fondata nel 1979 l’UTETD è un servizio di educazione permanente che ha lo scopo di perseguire una integrazione tra formazione culturale e condizione esistenziale delle persone adulto-anziane.

La riflessione pedagogica e l’esperienza pratica mostrano che l’educazione degli adulti può essere considerata in due modi differenti:

  • come formazione in funzione del lavoro, finalizzata all’acquisizione di competenze professionalizzanti;
  • come formazione per interesse personale, finalizzata all’acquisizione di conoscenze di cultura individuale.

Se, considerando la seconda ipotesi, l’educazione permanente viene intesa come fondamento per la realizzazione della persona e mezzo per migliorare le condizioni di vita, allora è necessario mettere in atto strategie per garantire l’accesso all’educazione ed alla formazione a tutti i cittadini.

Uno degli aspetti che concorrono a realizzare questa condizione è la presenza capillare sul territorio di 78 sedi, dislocate in altrettanti comuni o comunità di valle, rendono possibile a più persone di partecipare alle attività evitando fenomeni di esclusione dovuti alle oggettive difficoltà di spostamento che comporta vivere in un contesto montano.

Altro aspetto è l’esistenza di un sistema di analisi capace di intercettare i bisogni formativi di questa fascia di popolazione e di un progetto culturale che, fissati scopi generali ed obiettivi specifici, sappia tradurre e rispondere concretamente a questi bisogni.

La fase di valutazione dell’efficacia dell’offerta culturale volta ad accertare, non solo il livello di gradimento, ma soprattutto il raggiungimento degli obiettivi prefissati, completa il quadro.

Il progetto formativo dell’UTETD del Trentino fissa gli scopi generali e gli obiettivi specifici delle singole attività didattiche con la finalità di offrire a coloro che la frequentano un’opportunità per:

  • conoscere cose nuove;
  • confrontarsi e dialogare con gli altri;
  • maturare come persone nel modo di porsi di fronte alla realtà;
  • crescere nella partecipazione per essere protagonisti della propria vita e agenti di cambiamento della  comunità sono i principi sulla base dei quali vengono progettate e organizzate tutte le attività

Le trasformazioni avvenute nella società dagli anni ’80 ad oggi, unite ai cambiamenti delle caratteristiche dei frequentanti, hanno richiesto la messa a punto del progetto formativo con l’obiettivo di arricchire, irrobustire, consolidare l’impianto scientifico e metodologico già esistente per migliorarne proposte e contenuti.

 
PROGETTO

La proposta formativa si organizza attorno a tre aree:

  • la formazione
  • la sperimentazione 
  • l’aggregazione

Lo sviluppo delle tre aree prevede due livelli di “progettualità formativa”: il percorso e l’ambito.

L’UTETD mette al centro della proposta culturale la persona ed articola l’offerta formativa su cinque percorsi di approfondimento che fanno riferimento alla sfera psico-sociale della persona considerata nel rapporto con se stessa, nella dimensione relazionale, nel rapporto con la cultura sociale, con le istituzioni e con l’ambiente.

  1. La persona: corpo, psiche, relazioni
  2. La persona: linguaggi, immagini, segni
  3. La persona: pensiero, memoria, cultura, credenze
  4. La persona: il vocabolario della cittadinanza
  5. La persona: ambiente, tecnologia, scienza

Ogni percorso è articolato in un insieme di ambiti che raggruppano discipline una costellazione di contenuti tra loro affini. I corsi affrontano, di norma, uno o anche più contenuti relativi ad un ambito. Le seguenti liste di contenuti, pertanto, non coincidono necessariamente con i titoli dei corsi ma sono semplici elenchi di argomenti che permettono di identificare le aree tematiche che possono essere affrontate dai docenti.Il programma di un corso viene cioè costruito ed aggiornato annualmente, selezionando alcuni argomenti relativi alle seguenti mappe di contenuti, in base alla domanda degli allievi, al programma svolto nell’anno formativo precedente ed ai percorsi di specializzazione del docente. 

 

PERCORSI E AMBITI

Percorso 1 - LA PERSONA: corpo, psiche, relazioni

AMBITO 1.1: MEDICO
AMBITO 1.2: PSICOLOGICO
AMBITO 1.3: EDUCAZIONE MOTORIA
AMBITO 1.4: EDUCAZIONE ALLA SALUTE

Percorso 2 - LA PERSONA: linguaggi, immagini, segni

AMBITO 2.1: LETTERATURA ITALIANA E STRANIERA
AMBITO 2.2: ARTI FIGURATIVE
AMBITO 2.3: MUSICA
AMBITO 2.4: TEATRO
AMBITO 2.5: CINEMA e FOTOGRAFIA
AMBITO 2.6: LINGUE
AMBITO 2.7: I MEDIA

Percorso 3 - LA PERSONA: pensiero, memoria, cultura, credenze

AMBITO 3.1: STORIA
AMBITO 3.2: SCIENZE RELIGIOSE
AMBITO 3.3: FILOSOFIA ED ETICA
AMBITO 3.4: ANTROPOLOGIA E GEOGRAFIA

Percorso 4 - LA PERSONA: il vocabolario della cittadinanza

AMBITO 4.1: POLITICA E SOCIETÀ
AMBITO 4.2: DIRITTO
AMBITO 4.3: ECONOMIA
AMBITO 4.4: MONDIALITÀ

Percorso 5 - LA PERSONA: ambiente tecnologia scienza

AMBITO 5.1: SCIENZE NATURALI
AMBITO 5.2: SVILUPPO SOSTENIBILE E GESTIONE DEL TERRITORIO
AMBITO 5.3:SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E TECNOLOGICHE
AMBITO 5.4: INFORMATICA

 

LABORATORI DI INTERDISCIPLINARIETÀ

Una società in costante trasformazione e l’evoluzione della capacità di elaborazione delle conoscenze di chi partecipa alle attività utetd, impongono una regolare riflessione e un aggiornamento del progetto formativo per adeguare l’offerta ai bisogni maturati.

È in questo contesto che si colloca il percorso di interdisciplinarietà che viene proposto in maniera strutturata a partire da quest’anno.

La conoscenza è intesa come strumento che aiuta a sviluppare capacità di riflessione e senso critico, che favorisce la maturazione di un pensiero libero e autonomo, che sostiene le persone che desiderano essere protagoniste della propria vita e delle proprie scelte.

Il percorso interdisciplinare affronta in maniera articolata una tematica, legata ad un periodo storico di particolare interesse piuttosto che un argomento specifico, grazie al contributo di varie discipline che si incontrano e si integrano per fornire una visione culturale di insieme. L’obiettivo è quello di sviluppare la capacità di approfondimento, di lettura e di gestione della complessità al fine di promuovere la pluralità di prospettive.

 
 

NEWS Utetd

SEDI LOCALI: orari corsi Utetd

SEDI LOCALI: orari corsi Utetd

Si possono scaricare gli orari dell'a.a. 2017-2018 delle sedi periferiche dell'Università della terza età e del tempo disponibile.

Grazie professor Orsingher!

Grazie professor Orsingher!

Sabato 7 ottobre è venuto a mancare il prof. Lino Orsingher. Un professionista stimato che ha dato un contributo fondamentale  all'Università della terza età e del tempo disponibile non solo come docente ma anche come componente dei comitati didattici che nel tempo hanno reso l'UTETD una realtà culturale riconosciuta ed apprezzata.

In edicola "Tracce"

In edicola "Tracce"

Sul nuovo numero di "Tracce", l'inserto del quotidiano l'Adige sulla sfaccettata dimensione della terza età, è possibile leggere il contributo della Fondazione Franco Demarchi rispetto alla nuova proposta culturale, volta a rendere autonome le persone, dell'Università della terza età e del tempo disponibile di Trento e delle 77 sedi territoriali.

SEDE DI TRENTO: corsi Utetd

SEDE DI TRENTO: corsi Utetd

Da lunedì 25 settembre a venerdì 6 ottobre 2017 presso la sede della Fondazione Franco Demarchi in piazza S.M. Maggiore, 7, è possibile iscriversi ai corsi dell'Università della terza età e del tempo disponibile di Trento, per l'a.a. 2017/2018.
Per arrivare preparati è possibile scaricare e stampare la modulistica, oltre a visionare il libretto contenente il programma culturale.

Presentazione a.a. 2017-2018

Presentazione a.a. 2017-2018

Oggi sono state presentate le novità che andranno ad arricchire l’a.a. 2017-2018 dell’Università della terza età e del tempo disponibile di Trento e delle 77 sede dislocate su tutto il territorio provinciale.
Tra i nuovi corsi saranno affrontati, ad esempio, argomenti come i media e la medicina, le energie rinnovabili, fino ad arrivare alle nuove frontiere della biologia. Per quanto concerne i laboratori saranno attivati quello sperimentale di scrittura, quello di “British History trough art” e il laboratorio pratico di approfondimento su smartphone e tablet.